La deissi sociale e la comunicazione su Facebook

  • Kamila Miłkowska-Samul

Resumen

Con questo articolo si vuole esplorare il dominio della categoria grammaticale di persona nella lingua italiana, prendendo in considerazione la deissi sociale nella comunicazione che avviene tramite Facebook. La deissi sociale, intesa come i modi in cui una lingua codifica e grammaticalizza i tratti del contesto situazionale, i ruoli sociali dei partecipanti all’atto comunicativo e i loro rapporti reciproci (Levinson 1993: 83) viene esaminata tramite un’attenta analisi di vari fenomeni linguistici che la esprimono: pronomi personali, pronomi e aggettivi possessivi, forme verbali, titoli onorifici, diminutivi, ecc. Per i fini di questa ricerca come fonte del materiale d’analisi è stato scelto Facebook per motivo della sua diffusione nella società italiana, il che consente un esame assai ampio, considerata l’eterogeneità degli utenti di Facebook sotto l’aspetto dell’età, del sesso, dell’istruzione e dello strato sociale di appartenenza. Si sono analizzati 155 commenti pubblicati sotto i post sui profili di tre importanti personaggi pubblici: Sergio Mattarella, Matteo Renzi e Roberto Saviano. Siamo convinti che le modalità di comunicazione offerte da Facebook fanno sì che ci si manifesti la lingua comune, colloquiale in maniera libera, perciò si possono osservare delle realizzazioni naturali e spontanee della deissi sociale. Crediamo che la loro decodifica possa permettere di evidenziare i mutamenti a cui sono sottoposte le regole di cortesia linguistica nella comunicazione di oggi. I fenomeni relativi alla sempre maggiore informalità, al mancato rispetto delle norme di savoir vivre sono provocati, o almeno rafforzati, tra l’altro, dall’avvento dei nuovi mezzi di comunicazione come Facebook, ma illustrano anche le tendenze già presenti nell’italiano contemporaneo.

Citas

Crystal, David (2001): Language and the Internet, Cambridge, Cambridge University Press.

Belardinelli, Paolo (2007): «Sui pronomi di cortesia», La Crusca per voi 35, pp. 13-14, <http://www.accademiadellacrusca.it/en/italian-language/language-consulting/questions- answers/pronomi-cortesia>.

Brown, Roger / Gilman, Albert (1960): «The pronouns of power and solidarity», in T. A. Sebeok (ed.), Style in Language, Cambridge, MIT Press, pp. 253-276.

Buccioni, Ilaria / Palma, Anna Maria / Venturi, Isabella (2012): Mediare le conflittualità: riflessioni e strategie operative per sviluppare competenze comunicative e relazionali nella trasformazione dei conflitti, Milano, FrancoAngeli.

Fabiano, Pierangelo / Gorgoni, Sofia (2017): Disintermediazione e nuovi media: Come cambia la comunicazione, Roma, Armando.

Fiorentino, Giuliana (2013): «L’italiano delle piazze virtuali», in M. Carmello / A. Cacchione / M. L. Iasci (a c. di), Unità e molteplicità in Italia, fra lingua e cultura 1861-2011, Alessandria, Edizioni dell’Orso, pp. 7-31.

Gheno, Vera (2003): «Prime osservazioni sulla grammatica dei gruppi di discussione telematici di lingua italiana», Studi di Grammatica Italiana 22, pp. 267-308.

Gheno, Vera (2012): «L’Italia da bastione dell’indifferenza digitale a paese socialnetworkizzato », in M. Gargiulo (a c. di), L’Italia e i mass media, Roma, Aracne, pp. 361-370.

Gheno, Vera (2010): «Facebook e oltre: scrivi come se ti stesse leggendo tua madre», <http://www.treccani.it/lingua_italiana/speciali/lingua_spedita/Gheno_facebook.html>.

Giovanardi, Claudio (2010): L’italiano da scrivere: strutture, risposte, proposte, Napoli, Liguori.

Grzenia, Jan (2007): Komunikacja językowa w Internecie, Warszawa, PWN.

Herring, Susan C. (2001): «Computer-mediated discourse», in D. Schiffrin / D. Tannen / H. Hamilton (eds.), The Handbook of Discourse Analysis, Oxford, Blackwell Publishers, pp. 612-634.

Juza, Marta (2012): Kultura Internetu w Polsce: od akademickich początków do upowszechnienia zjawiska, Kraków, Wydawnictwo Antykwa.

Levinson, Stephen (1993): Pragmatica, Bologna, il Mulino.

Molinelli, Piera (2002): «“Lei non sa chi sono io!”: potere, solidarietà, rispetto e distanza nella comunicazione», Linguistica e filologia 14, pp. 283-302.

Pistolesi, Elena (2004): Il parlar spedito. L’italiano di chat, email e SMS, Padova, Esedra.

Prada, Massimo (2003): «Lingua e web», in I. Bonomi / A. Masini / S. Morgana (a c. di), La lingua italiana e i mass media, Roma, Carocci, pp. 249-289.

Scaglia, Claudia (2003): «Deissi e cortesia in italiano», Linguistica e filologia 16, pp. 109- 145.

Siewierska, Anna (2004): Person, Cambridge, Cambridge University Press.

Sifianou, Maria (1999): Politeness Phenomena in England and Greece: A Cross-cultural Perspective, Oxford, Oxford University Press.

Sosnowski, Roman (2010): Deissi spaziale nei testi teatrali italiani del XVI secolo, Kraków, WUJ.

Tavosanis, Mirko (2011): L’italiano del web, Roma, Carocci.

Uspenskij, Boris (2008): «Deissi e comunicazione. La realtà virtuale del linguaggio», in A. Keidan / L. Alfieri (a c. di), Deissi, riferimento, metafora. Questioni classiche di lingüística e filosofia del linguaggio, Firenze, Firenze University Press, pp. 107-164.

Wallace, Patricia (2004): Psychologia Internetu, Poznań, Rebis.

Publicado
2018-09-20
Sección
Estudios de lingüística