Diffusione e motivazione di alcune novità recenti nell’uso di parole italiane

  • Edoardo Lombardi Vallauri

Resumen

Ci si richiama alla distinzione tra grammatica “clericale” prescrittiva e “laica” descrittiva, per esaminare i casi di nuovi usi (soprattutto nuovi significati) di parole italiane la cui notevole diffusione in due grandi corpora di lingua scritta (le annate 1992-2001 del quotidiano La Stampa e il corpus web RIDIRE) li segnala come “errori” in qualche misura (diversa caso per caso) sulla via di diventare innovazioni ammissibili perché consacrate dall’uso effettivo diastraticamente e diafasicamente alto. Se ne fornisce una classificazione basata sul tipo di causa che può avere condotto i parlanti ad adottare il nuovo uso. Si tratterà (a) dell’influsso analogico o addirittura dello scambio di significato indotto dalla presenza nella lingua di un altro termine formalmente contiguo e più accessibile; (b) di una interpretazione “alleggerita e impoverita”, cioè privata di qualche tratto semantico, per cui i parlanti, incontrando in contesto un termine di senso molto specifico, ne colgono solo parte del significato e lo interpretano come più generico; (c) della presenza di condizioni sintattiche in cui il termine è adoperato, che conducono i parlanti ad attribuirgli un significato o delle condizioni d’uso diversi da quelli canonici, o a generalizzare quelli prevalenti anche sui casi in cui ne sono previsti altri. In conclusione, si traggono alcune conseguenze della situazione osservata in ordine al modo di trattare tali nuovi usi in sede di didattica dell’italiano.

Citas

Adamo, Giovanni / Della Valle, Valeria (2003a): «L’osservatorio neologico della lingua italiana: linee di tendenza nell’innovazione lessicale dell’italiano contemporaneo», in G. Adamo / V. Della Valle (a c. di), Innovazione lessicale e terminologie specialistiche, Firenze, Olschki, pp. 83-105.

Adamo, Giovanni / Della Valle, Valeria (2003b): Neologismi quotidiani. Un dizionario a cavallo del millennio. 1998-2003, Firenze, Olschki.

Adamo, Giovanni / Della Valle, Valeria (2008): Le parole del lessico italiano, Roma, Carocci.

Bazzanella, Carla / Cristofoli, Mirella (1998): «Piuttosto che e le alternative non preferenziali: un mutamento in atto?», Cuadernos de Filología Italiana, 5, pp. 267-278.

Berruto, Gaetano (1993): «Varietà diamesiche, diastratiche, diafasiche», in A. A. Sobrero (a c. di), Introduzione all’italiano contemporaneo, Roma-Bari, Laterza, vol. I, pp. 37-92.

Berruto, Gaetano (2010-2011): «Substandard», in R. Simone / G. Berruto / P. D’Achille (a c. di), Enciclopedia dell’italiano, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma, pp. 1427-1428.

Brucale, Laura (2012): «L’uso non canonico di piuttosto che coordinativo in italiano contemporáneo », in P. Bianchi / N. De Blasi / C. De Caprio / F. Montuori (a c. di), La variazione nell’italiano e nella sua storia. Varietà e varianti linguistiche e testuali, Firenze, Cesati, pp. 483-493.

Castellani Pollidori, Ornella (2002): «Risposta al quesito della signora Miriam Ianieri di Roma sull’uso di piuttosto che con valore disgiuntivo», La Crusca per voi 24, pp. 11-12.

Cortelazzo, Michele A. (1972), Lineamenti di italiano popolare, Pisa, Pacini.

De Mauro, Tullio (1970): «Per lo studio dell’italiano popolare unitario», in A. Rossi (a c. di), Lettere da una tarantata, Bari, De Donato, pp. 43-75. [Ristampato in L. Renzi / M. A. Cortelazzo (a c. di), La lingua italiana oggi: un problema scolastico e sociale, Bologna, Il Mulino, 1977, pp. 147-64].

De Mauro, Tullio (2006): Dizionarietto delle parole del futuro, Roma-Bari, Laterza.

De Santis, Cristiana (2001): «L’uso di ‘piuttosto che’ con valore disgiuntivo», Studi di grammatica italiana, 20, pp. 339-350.

Lombardi Vallauri, Edoardo (2012): Parlare l’italiano, Bologna, Il Mulino.

Lombardi Vallauri, Edoardo (2015): «Neosemie nell’italiano contemporaneo: per un’eziologia parziale», in R. Nikodinovska (a c. di), Parallelismi linguistici, letterari e culturali, Skopje, Skopje University Press, pp. 341-361.

Lombardi Vallauri, Edoardo (2016): «Recenti percorsi semantici di alcune parole italiane», in P. D’Achille (a c. di), Grammatica e testualità. Metodologie ed esperienze didattiche a confronto, Firenze, Cesati, pp. 305-316.

Lombardi Vallauri, Edoardo (2017): «Between error and new usage: Recent paths of Italian words», Annales Universitatis Paedagogicae Cracoviensis | Studia de Cultura, 9 (1), 132-141.

Marazzini, Claudio (2006): La storia della lingua italiana attraverso i testi, Bologna, Il Mulino.

Marazzini, Claudio (2010): La lingua italiana. Storia, testi, strumenti, con la collaborazione di L. Maconi, Bologna, Il Mulino.

Mauri Caterina / Giacalone Anna (2015): «Piuttosto che: dalla preferenza all’esemplificazione di alternative», Cuadernos de Filología Italiana, 20, pp. 49-72.

RIDIRE, web corpus: http://lablita.dit.unifi.it/projects/RIDIRE Saussure, Ferdinand de (1974): Cours de linguistique générale, Paris, Payot.

Serianni, Luca (2014): «Giusto e sbagliato: dove comincia il territorio dell’errore?», in S. Lubello (a c. di), Lezioni d’italiano. Riflessioni sulla lingua del nuovo millennio, Bologna, Il Mulino, pp. 235-46.

Sgroi, Salvatore Claudio (2015): «Grammatica “clericale” vs grammatica “laica”», Rivista Italiana di Dialettologia 39, pp. 169-185.

Sgroi, Salvatore Claudio (2016): «Identità e alterità dell’italiano: l’italiano “pidocchiale”», in E. Creazzo / G. Lalomia / A. Manganaro (a c. di), Letteratura, alterità, dialogicità. Studi in onore di Antonio Pioletti, Soveria Mannelli, Rubbettino, pp. 903-926.

Publicado
2018-09-20
Sección
Estudios de lingüística