«Secondo l’uso che è mutabile». La filigrana del "Convivio" di Dante nelle "Regole grammaticali della volgar lingua" di Giovan Francesco Fortunio. Primi sondaggi

  • Giuseppe Polimeni

Resumen

Il saggio si propone di portare l’attenzione su alcuni riferimenti danteschi presenti nelle Regole grammaticali della volgar lingua di Giovan Francesco Fortunio: in questi primi sondaggi estesi al Proemio dell’opera si accenna alla possibilità che il Convivio dantesco possa rappresentare un’opera di riferimento teorico per la definizione dei presupposti della grammatica del Fortunio.

Descargas

La información sobre descargas todavía no está disponible.

Citas

Alighieri, Dante (2012): De vulgari eloquentia, a cura di Enrico Fenzi, con la collaborazione di Luciano Formisano e Francesco Montuori, in Dante, Le Opere, volume III, Roma, Salerno.

Alighieri, Dante (2014): Convivio, a cura di Gianfranco Fioravanti, canzoni a cura di Claudio Giunta, in Dante, Opere, edizione diretta da Marco Santagata, volume secondo, Convivio, Monarchia, Epistole, Egloghe, a cura di Gianfranco Fioravanti, Claudio Giunta, Diego Quaglioni, Claudia Villa, Gabriella Albanese, Milano, Mondadori, pp. 3-805.

Belloni Peressutti, Gino (1987): «Alle origini della filologia e della grammatica italiana: il Fortunio», in Linguistica e filologia. Atti del VII Convegno Internazionale di linguisti, Milano, 12-14 settembre 1984, Brescia, Paideia, pp. 187-204.

Dionisotti, Carlo (1938): «Ancora del Fortunio», Giornale storico della letteratura italiana, CXI: 213-54 [ora in Carlo Dionisotti, Scritti di storia della letteratura italiana, I, a cura di Tania Basile, Vincenzo Fera, Susanna Villari, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1935-1962, pp. 73-104].

Dionisotti, Carlo (1967): «Il Fortunio e la filologia umanistica», in Vittore Branca (a cura di), Rinascimento europeo e Rinascimento veneziano, Firenze, Sansoni, 11-23 [ora in Carlo

Dionisotti, Scritti di storia della letteratura italiana, II, a cura di Tania Basile, Vincenzo Fera, Susanna Villari, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1963-1971,pp. 281-292].

Ferrero, Giuseppe Guido (1935): «Dante e i grammatici della prima metà del Cinquecento», Giornale Storico della Letteratura Italiana, CV, pp. 1-590.

Foffis, Cesare Federico (1970): «Fortunio, Gian Francesco», voce in Enciclopedia dantesca, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana.

Folena, Gianfranco (1994): Volgarizzare e tradurre, Torino, Einaudi.

Fortunio, Giovan Francesco (2001): Regole grammaticali della volgar lingua, a cura di Brian Richardson, Roma-Padova, Antenore.

Fortunio, Giovanni Francesco (1972-1973): Regole grammaticali della volgar lingua, a cura di Mario Pozzi, Torino, Tirrenia Stampatori.

GDLI (1961-2002): Grande dizionario della lingua italiana, fondato da Salvatore Battaglia, diretto da Giorgio Barberi Squarotti, Torino, Utet.

Grayson, Cecil (1967): «Grammatici e grammatiche del Rinascimento», in Vittore Branca (a cura di), Rinascimento europeo e Rinascimento veneziano, Firenze, Sansoni, pp. 61-74 [poi in Cecil Grayson, Studi su Leon Battista Alberti, a cura di Paola Claut, Firenze, Olschki, 1988, pp. 231-243].

Mengaldo, Pier Vincenzo; Ricci, Pier Giorgio (1970): «De vulgari eloquentia», in Enciclopedia dantesca, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana.

Paccagnella, Ivano (1986): «Grammatica come scienza: l’approssimazione di Fortunio (1516)», in Brigitte Winklehner (a cura di), Literatur und Wissenschaft, Begegnung und Integration, Festschrift für Rudolf Bähr, Tübingen, Stauffenburg, pp. 273-289.

Patota, Giuseppe (1993): «I percorsi grammaticali», in Luca Serianni e Pietro Trifone (ed.), Storia della lingua italiana. Vol. I. I luoghi della codificazione, Torino, Einaudi, pp. 93-137.

Pistilli, Gino (1997): «Fortunio, Giovanni Francesco», in Dizionario Biografico degli Italiani, volume 49, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana.

Polimeni, Giuseppe (2010): «‘Molti vocaboli rinasceranno che già caddero’: transiti oraziani, dalle retoriche latine del medioevo al Convivio e alla Commedia di Dante», in Renzo Cremante, Francesca Falchi, Lia Guerra (a cura di), Testi classici nelle lingue moderne, supplemento al n. 52/2009 de Il Confronto letterario, Pavia-Como, Ibis, pp. 33-46.

Pozzi, Mario (a cura di) (1988): Discussioni linguistiche del Cinquecento, Torino, Utet. Procaccioli, Paolo (i.c.s.): «Il Dante dei grammatici. La Commedia tra Regole e Prose», in Le Regole di Fortunio a cinquecento anni. Atti del Convegno, Liège, 2 dicembre 2016.

Quondam, Amedeo (1978): «Nascita della grammatica. Appunti e materiali per una descrizione analitica», Quaderni storici, XIII, 38, 2 (maggio-agosto), pp. 555-592.

Simonelli, Maria (1970): «Convivio», in Enciclopedia Dantesca, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana.

Trabalza, Ciro (1908): Storia della grammatica italiana, Milano, Hoepli.

Trovato, Paolo (1994): Il primo Cinquecento, Bologna, il Mulino.

Vitale, Maurizio (1951): «L’atteggiamento generale di Giovan Francesco Fortunio in ordine al problema ortografico», in Rendiconti dell’Istituto lombardo di Scienze e Lettere, serie II, LXXXIV pp. 227-244 [ora in Maurizio Vitale, Studi di storia della lingua italiana, Milano, LED, 1992, pp. 95-110].

Publicado
2017-09-18
Cómo citar
Polimeni, G. (2017). «Secondo l’uso che è mutabile». La filigrana del "Convivio" di Dante nelle "Regole grammaticali della volgar lingua" di Giovan Francesco Fortunio. Primi sondaggi. Cuadernos De Filología Italiana, 24, 93-100. https://doi.org/10.5209/CFIT.56630