Le "Regole grammaticali" di Giovan Francesco Fortunio e le grammatiche bilingui italiano-spagnolo nel Cinquecento.

  • Benedict Buono Universidade de Santiago de Compostela

Resumen

Qual è stato l’influsso esercitato dalle Regole grammaticali della lingua volgare di G. F. Fortunio nella Spagna del Cinquecento? Per rispondere a questa domanda si è proceduto ad analizzare tre grammatiche bilingui italiano-spagnolo, diverse per impostazione didattica e pubblico a cui erano rivolte, il Paragone della lingua toscana e castigliana di G. M. Alessandri d’Urbino (1560), le Osservationi della lingua castigliana di G. Miranda (1566) e l’Arte muy curiosa di F. Trenado de Ayllón (1590), per determinarne il modello ortografico e morfologico, stabilendone l’eventuale affinità con le Regole del Fortunio e o con le Prose del Bembo. Pur ascrivendosi a un modello di stampo letterario di ispirazione bembiana, ne emerge un’immagine in cui l’eredità del Fortunio a livello ortografico e morfologico dimostra di essere ancora ben presente e viva.

Descargas

La información sobre descargas todavía no está disponible.

Biografía del autor/a

Benedict Buono, Universidade de Santiago de Compostela
Profesor Titular de Filología Italiana, USC

Citas

Alessandri d’Urbino, Giovanni Mario (1560): Il Paragone della lingua toscana et castigliana, Napoli, Appresso Maria Cancer.

Alberti, Leon Battista (1996): Grammatichetta e altri scritti sul volgare, a cura di Giuseppe Patota, Roma, Salerno.

Alighieri, Dante (1989): La Divina Commedia, a cura di Stefano Jacomuzzi, Torino, UTET, 3 voll.

Bembo, Pietro (1978): Prose della volgar lingua, a cura di Mario Pozzi, Torino, UTET.

Bingen, Nicole (1984): «Sources et filiations de la «Grammaire italienne» de Jean-Pierre de Mesmes», Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance, XLVI, 3, pp. 633-38.

Boccaccio, Giovanni (1980): Decameron, a cura di Vittore Branca, Torino, Einaudi, 2 voll.

Bruni, Francesco (2013): L’italiano fuori d’Italia, Firenze, Franco Cesati Editore.

Buono, Benedict (2010): «La trattatistica sul «segretario» e la codificazione linguistica in Italia fra Cinque e Seicento», Verba, 37, pp. 301-312.

Buono, Benedict (2012): «La ricezione della cultura italiana del Rinascimento in Spagna: il fondo italiano antico della biblioteca universitaria di Santiago de Compostela», Rivista di letteratura italiana, XXIX, 1, pp. 101-112.

Carreras Goicoechea, María (1996): «Le fonti delle Osservationi della lingua Castigliana di Giovanni Miranda, Venezia 1566 presso G. Giolito», in Mirko Tavoni (a cura di), Atti del Convegno Internazionale Italia ed Europa nella Linguistica del Rinascimento. Confronti e relazioni, I, Modena, Panini, pp. 475-493.

Carreras Goicoechea, María (2002): «El papel de las Osservationi della lingua castigliana de Giovanni Miranda (1566) en la historia de la enseñanza del español para italianos», Quaderni del CIRSIL, I, pp. 9-23.

Cursi, Marco (2007): Il «Decameron»: scritture, scriventi, lettori. Storia di un testo, Viella, Roma.

De Mauro, Tullio (2007): «L’italiano come caso di lingua internamente plurilingue», in Serge Valvolsem (a cura di), Identità e diversità nella lingua e nella letteratura italiana (Atti del XVIII Congresso dell’AISLLI, Lovanio 2003), vol. I, Firenze, Franco Cesati Editore, pp. 27-41.

Dionisotti, Carlo (1938): «Ancora sul Fortunio», Giornale storico della letteratura italiana, CXI, pp. 213-254.

Echebarría Arostegiu, Maitena (1989): «Las “Osservationi della lingua castigliana” de G. Miranda», Letras de Deusto, XIX, 45, pp. 105-129.

Encinas Manterola, Teresa (2006): «El foco italiano: Giovanni Miranda», in José Gómez Asencio (a cura di), El castellano y su codificación gramatical. De 1492 (A. de Nebrija) a 1611 (John Sanford), I, Burgos, Fundación Instituto Castellano y Leonés de la Lengua, pp. 239-54.

Fornara, Simone (2004): «Varietà e struttura nelle prime grammatiche delle lingue volgari», in Celestina Milani e Rosa Bianca Finazzi (a cura di), Per una storia della grammatica in Europa (Atti del Convegno. 11-12 settembre 2003. Università Cattolica), Milano, I.S.U. Università Cattolica, pp. 183-203.

Fortunio, Giovan Francesco (1979): Regole grammaticali della volgar lingua, Ristampa anastatica dell’edizione del 1516, Bologna, Arnaldo Forni.

Fortunio, Giovan Francesco (1999): Regole grammaticali della volgar lingua, a cura di Claudio Marazzini e Simone Fornara, Pordenone, Accademia San Marco.

Fortunio, Giovan Francesco (2001): Regole grammaticali della volgar lingua, a cura di Brian Richardson, Padova, Antenore.

Gualano, Andrea (2016): Una grammatica di italiano per ispanofoni del Cinquecento. L’«Arte muy curiosa» di Francisco Trenado de Ayllón. Analisi linguistica e trascrizione ragionata, Firenze, Franco Cesati Editore.

Manni, Paola (1979): «Ricerche sui tratti fonetici e morfologici del fiorentino quattrocentesco», Studi di grammatica italiana, VIII, pp. 115-171.

Mattarucco, Giada (2003): Prime grammatiche d’italiano per francesi (secoli XVI-XVII), Firenze, Accademia della Crusca.

Mengaldo, Pier Vincenzo (1963): La lingua del Boiardo lirico, Firenze, Olshki.

Miranda, Giovanni (1566): Osservationi della lingua castigliana, Venezia, Giovanni Giolito de’ Ferrari.

Palermo, Massimo; Poggiogalli, Danilo (2010): Grammatiche di italiano per stranieri dal ‘500 a oggi. Profilo storico e antologia, Pacini, Pisa.

Patota, Giuseppe (1997): «La grammatica silenziosa», in Norma e lingua in Italia: alcune riflessioni fra passato e presente, Milano, Istituo Lombardo di Scienze e Lettere, pp. 71-112.

Petrarca, Francesco (1996a): Canzoniere, a cura di Marco Santagata, Milano, Mondadori.

Petrarca, Francesco (1996b): Trionfi. Rime estravaganti. Codice degli abbozzi, a cura di Vinicio Pacca e Laura Paolino, Milano, Mondadori.

Rabitti, Giovanna (2000): «Tra Bembo e Fortunio: una generazione inquieta», in Silvia Morgana, Mario Piotti e Massimo Prada (a cura di), Prose della volgar lingua di Pietro Bembo (Gargnano del Garda, 4-7 ottobre 2000), Milano, Istituto Editoriale Cisalpino, pp. 77-94.

Rebiun: Catalogo collettivo delle biblioteche universitarie spagnole, <http://www.rebiun.org>.

Serianni, Luca (2001): Introduzione alla lingua poetica italiana, Roma, Carocci.

Silvestri, Paolo (2001): Le grammatiche italiane per ispanofoni (secoli XVI-XIX), Alessandria, Edizioni dell’Orso.

Swiggers, Pierre (1997): «La culture linguistique en Italie et en France au XVIe siècle», in Harro Stammerjohann (a cura di), Italiano: lingua di cultura europea (Atti del Simposio internazionale in memoria di Gianfranco Folena, Weimar, 11-13 aprile 1996), Tübingen, Narr, pp. 59-89.

Tavoni, Mirko (1990), «La linguistica rinascimentale», in Giulio Lepschy (a cura di), Storia della linguistica, Bologna, Il Mulino, pp. 169-311.

Trovato, Paolo (1979): Dante in Petrarca. Per un inventario nei «Rerum vulgarium fragmenta», Firenze, Olschki.

Trovato, Paolo (1994): Il primo Cinquecento, Bologna, Il Mulino.

Vignali, Luigi (1990): «La lingua di Jacopo Caviceo nel Peregrino. Parte II: l’aspetto morfologico», Studi e problemi di critica testuale, XL, pp. 69-147.

Vitale, Maurizio (1988a): «Di alcune forme verbali nella prima codificazione grammaticale» in Maurizio Vitale, La veneranda favella, Napoli, Morano, pp. 243-304.

Vitale Maurizio (1988b): «La lingua volgare della cancelleria sforzesca nell’età di Ludovico il Moro», in Maurizio Vitale, La veneranda favella, Napoli, Morano, pp. 169-239.

Vitale, Maurizio (1992): «Il dialetto ingrediente intenzionale della poesia non toscana del Quattrocento», in Maurizio Vitale, Studi di storia della lingua italiana, Milano, LED, pp. 49-94.

Publicado
2017-09-18
Cómo citar
Buono, B. (2017). Le "Regole grammaticali&quot; di Giovan Francesco Fortunio e le grammatiche bilingui italiano-spagnolo nel Cinquecento. Cuadernos De Filología Italiana, 24, 59-73. https://doi.org/10.5209/CFIT.55636