Tradizione ariostesca e memoria mitologica in "Menzogna e sortilegio" di Elsa Morante

  • Lucia Dell'Aia Università degli Studi di Bari "Aldo Moro"

Resumen

Il saggio interpreta alcuni snodi fondamentali del romanzo Menzogna e sortilegio tenendo conto dei possibili rapporti fra il personaggio di Elisa e quello della maga Melissa del Furioso nel contesto più ampio del tema della magia e dei simulacri. Si interpreta sempre alla luce della tradizione ariostesca il tema della follia e la tecnica di narrazione del romanzo. Anche attraverso la simbologia dell’anello, si analizza la stratificazione mitologica del romanzo. Infine, grazie alle suggestioni del mito lunare e ad alcune annotazioni presenti sul manoscritto, si arriva a proporre anche una ipotesi di datazione delle vicende narrate nel romanzo.

Descargas

La información sobre descargas todavía no está disponible.

Biografía del autor/a

Lucia Dell'Aia, Università degli Studi di Bari "Aldo Moro"
Cultore di Letteratura italiana presso il Dipartimento DISUM

Citas

Ariosto, Ludovico (2006): Orlando furioso, Milano, Mondadori.

Baldini, Gabriele (1964): : «Introduzione», in Ludovico Ariosto, Orlando Furioso, Firenze, Zanichelli, pp. ii-xxov.

Bardini, Marco (1990): «Dei “fantastici doppi” ovvero la mimesi narrativa dello spostamento psichico», in Per Elisa, studi su “Menzogna e sortilegio”, Pisa, Nistri-Lischi, pp. 173-299.

Bardini, Marco (1999): Morante Elsa. Italiana. Di professione, poeta, Pisa, Nistri-Lischi.

Bianco, Ludmilla (1992): Le pietre mirabili. Magia e scienza nei lapidari greci. Palermo, Sellerio.

Bonnefoy, Yves (ed.) (2001): Dizionario delle mitologie e delle religioni, Milano, Biblioteca Universale Rizzoli.

Carmello, Marco (2014): Medea in “Aracoeli”? Nota (senza rete) per una possibile traccia mitologica in Elsa Morante, in Elisa Martínez Garrido, Flavia Cartoni e Marco Carmello (a cura di), Contro la barbarie: Elsa Morante e la scrittura, scrittura, Cuadernos de Filología italiana, 21, pp. 43-61.

Cartoni, Flavia (1999): La fantasìa en la obra de Elsa Morante, Cuenca, Servicio de publicaciones de la Universidad de Castilla-La Mancha.

Cartoni, Flavia (2015): «Al di là delle fonti. Elsa Morante fra letture, desiderio e fantasia», en Enrico Palandri e Hanna Serkowska (a cura di), (eds), Le fonti in Elsa Morante, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, pp. 27-34.

Cascio, Gandolfo (2012): «Una vocazione alla solitudine», in Giuliana Zagra (a cura di), Santi, Sultani e Gran Capitani in camera mia. Inediti e ritrovati dall’Archivio di Elsa Morante, Roma, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, pp.119-122.

Cascio, Gandolfo (2015a): «Ma lei, tanto è gentile». La pratica intertestuale in “Alibi” di Morante» in Enrico Palandri e Hanna Serkowska (a cura di), Le fonti in Elsa Morante, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, pp. 61-68.

Cascio, Gandolfo (2015b): «Regesto dell’editio princeps di “Alibi” in preparazione dell’edizione critica», in Gandolfo Cascio (a cura di), Oltre la menzogna. Saggi sulla poesia di Elsa Morante, Amsterdam, Istituto Italiano di Cultura, pp. 19-25.

Chevalier, Jean; Gheerbrant, Alain (a cura di) (2011): Dizionario dei simboli, Milano, Biblioteca Universale Rizzoli.

David, Michel (1968): «Entretien. Elsa Morante», Le Monde, 13 aprile.

Dell’Aia Lucia (2013): La sfera del puer. Il tempo dei ragazzini di Elsa Morante, Roma, Aracne Editrice.

Dell’Aia, Lucia (2014): «La parodia nei romanzi di Elsa Morante», in Elisa Martínez Garrido, Flavia Cartoni e Marco Carmello (a cura di), Contro la barbarie: Elsa Morante e la scrittura, in «Cuadernos de Filología Italiana», 21, pp. 101-112.

Desideri, Laura (2006): «I libri di Elsa», in Giuliana Zagra e Simonetta Buttò (a cura di), Le stanze di Elsa. Dentro la scrittura di Elsa Morante, Roma, Colombo, pp. 77-85.

Di Fazio, Angela (2017): Tra crisi e riscatto. Elsa Morante legge Ernesto De Martino, Bologna, Pendragon.

Dossi, Eugenia (a cura di) (2000): Enciclopedia dell’Antichità classica, Milano, Garzanti.

Ferroni, Giulio (1993): «Alla ricerca dell’ ”ultimo” libro», Giorgio Agamben (a cura di), Per Elsa Morante, Milano, Linea d’ombra, pp. 35-54.

Garboli, Cesare (1994): «Introduzione», in Elsa Morante Menzogna e sortilegio, Torino, Einaudi, pp. v-xxvii.

Ginsburg, Natalia (2011): «Menzogna e sortilegio», in Goffredo Fofi e Adriano Sofri (a cura di), Festa per Elsa, Palermo, Sellerio, pp. 26-28.

Giuntoli Liverani, Francesca (2008): Elsa Morante: l’ultimo romanzo possibile, Napoli, Liguori.

Grieco, Giuseppe (1961): «Elsa Morante», Grazia, 26 settembre.

Jossa, Stefano (2004): «Da Ariosto a Tasso: la verità della storia e le bugie della poesia», in Studi rinascimentali, 2, pp. 69-82.

Jossa, Stefano (2009): Ariosto, Bologna, Il Mulino.

Jossa, Stefano (2017): «Con Ariosto, senza Calvino», Doppiozero, (http://www.doppiozero.com/materiali/con-ariosto-senza-calvino)

Lattarulo, Leonardo (2012): «La savia Elisa e le sue streghe», in Giuliana Zagra (a cura di), Santi, Sultani e Gran Capitani in camera mia. Inediti e ritrovati dall’Archivio di Elsa Morante, Roma, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, pp. 79-91.

Lucamante, Stefania (1998): Elsa Morante e l’eredità proustiana, Fiesole, Edizioni Cadmo.

Maffei, Giuseppe (1829): Storia della letteratura italiana dalle origini della lingua fino al secolo XIX, Napoli, Marotta e Vanspandoch, volume II.

Marbodo di Rennes (2007): Lapidari. La magia delle pietre preziose, Roma, Carocci.

Martínez Garrido, Elisa (2016): I romanzi di Elsa Morante. Scrittura, poesia ed etica, Lugano, Agorà.

Meletinskij, Eleazar (1993): Introduzione alla poetica storica dell’epos e del romanzo, Bologna, Il Mulino.

Mengaldo, Vincenzo (1994): «Spunti per un’analisi linguistica dei romanzi di Elsa Morante», Studi novecenteschi, 47-48, pp. 11-36.

Montagnani, Cristina (2016): «Autore e lettore: la partita truccata dell’intreccio», in Giulio Beltramini e Adolfo Tura (a cura di), Orlando furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi, Ferrara, Fondazione Ferrara Arte, pp. 286-294.

Montefoschi, Giorgio (1969): «Funzione dei personaggi e linguaggio in Menzogna e sortilegio di Elsa Morante», Nuovi Argomenti, luglio-settembre, pp. 252-267.

Morante, Elsa (1964): «Una duplicità senza soluzione», L’Europa letteraria, 27, p. 126.

Morante, Elsa (1975): Menzogna e sortilegio, Torino, Einaudi.

Morante, Elsa (2001): Menzogna e sortilegio, in Elsa Morante, Opere, a cura di Carlo Cecchi e Cesare Garboli, Milano, Mondadori, vol. I, pp. 5-943.

Morante, Elsa (2003): Sul romanzo, in Elsa Morante, Opere, a cura di Carlo Cecchi e Cesare Garboli, Milano, Mondadori, vol. II, pp. 1497-1520.

Palli Baroni, Gabriella (2006): «Sulle tracce di Menzogna e sortilegio», in Giuliana Zagra e Simonetta Buttò (a cura di), Le stanze di Elsa. Dentro la scrittura di Elsa Morante, Roma, Colombo, pp. 37-47.

Platone (1988): Dialoghi politici. Lettere, Torino, Utet.

Porciani, Elena (2006): L’alibi del sogno nella scrittura giovanile di Elsa Morante, Soveria Mannelli, Iride.

Porciani, Elena (2013): «La scelta di Don Chisciotte sulle tracce del Familienromance di Elsa Morante», Contemporanea, 11, pp. 85-96.

Rajna, Pio (1900): Le fonti dell’Orlando furioso, Firenze, Sansoni.

Rivoletti, Christian (2014): Ariosto e l’ironia della finzione, Venezia, Marsilio.

Rosa, Giovanna (2006): Cattedrali di carta. Elsa Morante romanziere, Milano, Net / Il Saggiatore.

Savy, Barbara Maria (2016): «Melissa» (scheda relativa a Giovanni Luteri detto Dosso Dossi), in Guido Beltramini e Adolfo Tura (a cura di), in Beltramini, Guido / Tura, Adolfo (eds.), Orlando furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gliocchi, Ferrara, Fondazione Ferrara Arte, p. 180.

Scianatico, Giovanna (2005): «“Tutta al contrario l’istoria converti”. Storia e parodia nel Furioso», Collection de l’Écrit, 10, pp. 155-163.

Segre, Cesare (1991): «Introduzione», in Miguel de Cervantes, Don Chisciotte, Milano, Mondadori: pp. xi-lvi.

Splendorini, Ilaria (2010): “Menzogna e sortilegio” di Elsa Morante. Una scrittura delle origini, Firenze, Le Lettere.

Urbaniak, Martyna (2010): «“Quella benigna e saggia incantatrice”. Mellissa attraverso i paratesti e le illustrazioni dell’edizione Giolito 1542» in Lina Bolzoni, Silvia Pezzini e Giovanna Rizzarelli (a cura di), «Tra mille carte vive ancora». Ricezione del “Furioso” tra immagini e parole, Lucca, Pacini Fazzi, pp. 77-98.

Venturi, Gianni (1977): Elsa Morante, Firenze, La Nuova Italia (I Castori, 130).

Verga, Giovanni (1987): Opere, a cura di Carla Riccardi, Firenze, Le Monnier-Banco di Sicilia.

Vittorini, Elio (1950): «Introduzione», in Ludovico Ariosto, Orlando furioso, Torino, Einaudi, pp. i-ix.

Zagra, Giuliana (2006): «Il racconto di due prigionieri. I manoscritti di “Menzogna e sortilegio” e “L’isola di Arturo”», in Giuliana Zagra e Simonetta Buttò (a cura di), Le stanze di Elsa. Dentro la scrittura di Elsa Morante, Roma, Colombo, pp. 23-36.

Zagra, Giuliana (2015): «Il segreto gioco della scrittura. Elementi autobiografici e fonti letterarie nel manoscritto di “Menzogna e sortilegio”», in Enrico Palandri e Hanna Serkovska (a cura di), Le fonti in Elsa Morante, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, pp. 69-78.

Publicado
2017-09-18
Cómo citar
Dell’Aia, L. (2017). Tradizione ariostesca e memoria mitologica in "Menzogna e sortilegio" di Elsa Morante. Cuadernos De Filología Italiana, 24, 167-190. https://doi.org/10.5209/CFIT.55455