Simmetrie metriche: due sonetti siciliani a confronto

  • Laura Facini

Resumen

L’intervento analizza dal punto di vista metrico-stilistico una coppia di sonetti composti da due rimatori della Scuola Siciliana: Giacomo da Lentini (1.35: Diamante, né smiraldo, né zafino) e Mazzeo di Ricco (19.7: Chi conoscesse sì la sua falanza). Lo studio intende offrire uno sguardo dettagliato sulla scrittura lirica degli autori della Magna Curia in relazione all’inedita forma metrica del sonetto: nello specifico, sulle pratiche compositive peculiari dei due poeti indagati, convergenti o in opposizione tra loro, e, più in generale, sulle costanti sistemiche della versificazione assunta dalla cerchia siciliana.

Descargas

La información sobre descargas todavía no está disponible.

Citas

Antonelli, Roberto (ed.) (1979): Giacomo da Lentini, Poesie, Roma, Bulzoni.

Antonelli, Roberto (1989): «L’“invenzione” del sonetto», in Miscellanea di studi in onore di Aurelio Roncaglia a cinquant’anni dalla sua laurea, Modena, Mucchi, vol. I, pp. 35-75.

Antonelli, Roberto (ed.) (2008): Giacomo da Lentini, in I poeti della Scuola Siciliana, Milano, Mondadori, 3 voll., vol. I.

Antonelli, Roberto (2009): «Giacomo da Lentini e l’“invenzione” della lirica italiana», Critica del testo XII (1), pp. 1-24.

Beltrami, Pietro G (2010): «Incertezze di metrica dantesca», Nuova Rivista di Letteratura Italiana, XIII (1-2), pp. 79-94.

Brugnolo, Furio (1972): «La Scuola poetica siciliana», in Enrico Malato (ed.), Storia della Letteratura Italiana, vol. I: Dalle Origini a Dante, sez. II: La nascita della letteratura italiana, Roma, Salerno, pp. 265-337.

Contini, Gianfranco (ed.) (1960): Poeti del Duecento, Milano – Napoli, Ricciardi, 2 voll.

Desideri, Giovannella (2000): «“Et orietur vobis timentibus nomen meum sol iustitiae.” Ripensare l’invenzione del sonetto», Critica del Testo III (2), pp. 623-663.

Di Girolamo, Costanzo (ed.) (2008): «Poeti della corte di Federico II», in I poeti della Scuola Siciliana, Milano, Mondadori, 3 voll., vol. II.

Giunta, Claudio (2013), «Ancora su Dante lirico», Letture classensi, 41, pp. 47-60.

Menichetti, Aldo (1975): «Implicazioni retoriche nell’invenzione del sonetto», Strumenti critici, IX (26), pp. 1-30, ora in Paolo Gresti e Massimo Zenari (eds.), Saggi metrici, Firenze, Sismel – Edizioni del Galluzzo, 2006.

Panvini, Bruno (ed.) (1962-1964): Le rime della scuola siciliana, Firenze, Olschki, 2 voll.

Pötters, William (1998): Nascita del sonetto. Metrica e matematica al tempo di Federico II, Ravenna, Longo.

Praloran, Marco; Soldani, Arnaldo (2003): «Teoria e modelli di scansione», in Marco Praloran, (ed.), La metrica dei “Fragmenta”, Roma – Padova, Antenore, pp. 3-123.

Praloran, Marco (2007): «Alcune osservazioni sul ritmo nella “Commedia”», in Paolo Trovato (ed.), Nuove prospettive sulla tradizione della “Commedia”. Una guida filologico-linguistica al poema dantesco, Firenze, Cesati, pp. 457-466.

Praloran, Marco; Soldani, Arnaldo (2010): «La metrica di Dante tra le Rime e la Commedia», in Claudia Berra e Paolo Borsa (eds.), Le rime di Dante, Milano, Cisalpino (Quaderni di Acme 117), pp. 411-447.

Scarpati, Oriana (2010): «Tipologie dell’esordio nei poeti della Scuola siciliana tra riprese e mutamenti», Bollettino. Centro di studi filologici e linguistici siciliani, XXII, pp. 27-41.

Soldani, Arnaldo (2009): La sintassi del sonetto. Petrarca e il Trecento minore, Firenze, Sismel – Edizioni del Galluzzo.

Zuliani, Luca (2009): Poesia e versi per musica. L’evoluzione dei metri italiani, Bologna, Il Mulino [Archivio internet: paduaresearch.cab.unipd.it].

Publicado
2016-10-26
Cómo citar
Facini, L. (2016). Simmetrie metriche: due sonetti siciliani a confronto. Cuadernos De Filología Italiana, 23, 175-192. https://doi.org/10.5209/CFIT.54009
Sección
Estudios literarios y culturales