Il teatro ilarotragico di Manganelli (tra Beckett e Bacon)

  • Filippo Milani

Resumen

La ricezione italiana dell’opera di Samuel Beckett, seppur tardiva, trova in Giorgio Manganelli uno degli interpreti più attenti e puntuali. Un aspetto che merita di essere approfondito riguarda il carattere ilarotragico del teatro beckettiano secondo l’interpretazione di Manganelli, ovvero l’operazione di svuotamento del mito tragico in funzione parodica. Le “tragedie da leggere” di Manganelli condividono con le opere teatrali di Beckett e con le tele di Bacon il medesimo intento dissacratorio nei confronti del mito tragico, a cui si oppone una “ilarità” sarcastica e malinconica.

Descargas

La información sobre descargas todavía no está disponible.

Citas

Alfano, Giancarlo / Cortellessa, Andrea (a c. di) (2006): Tegole dal cielo. L’“Effetto Beckett” nella cultura italiana, vol. I, Roma, Antalia.

Alfano Giancarlo (2010): Paesaggi, mappe, tracciati. Cinque studi su letteratura e geografia, Napoli, Liguori.

Badiou, Alain (2008): Beckett. L’inestinguibile desiderio, Genova, il Melangolo.

Bair, Deirdre (1990): Samuel Beckett: una biografia, Milano, Garzanti.

Baldacci, Alessandro (2010): Le vertigini dell’io. Ipotesi su Beckett Bachmann Manganelli, S. Maria Capua Vetere, Ipermedium.

Beckett, Samuel (1953 [1967]): Watt, Paris, Olympia Press. [Trad. it. di C. Cristofolini, Milano, Sugar&Co].

Beckett, Samuel (1951 [1996]): Molloy, Paris, Les Editions de Minuit. [Trad. it. di A. Tagliaferri, Molloy in S. Beckett, Trilogia, Torino, Einaudi, pp. 5-192].

Beckett, Samuel (1994): Teatro completo: drammi, sceneggiature, radiodrammi, pièces televisive, a c. di P. Bertinetti, traduzioni di C. Fruttero et alii, Torino, Einaudi-Gallimard.

Bertinetti, Paolo (1994): «Beckett, o la compressione della forma», introduzione a S. Beckett, Teatro completo: drammi, sceneggiature, radiodrammi, pièces televisive, a c. di P. Bertinetti, traduzioni di C. Fruttero et alii, Torino, Einaudi-Gallimard.

Burkman, Katherine H. (ed.) (1987): Myth and ritual in the plays of Samuel Beckett, London and Toronto, Fairleigh Dickinson University press.

Camplone, Ilaria (2014): «Il teatro di Giorgio Manganelli, “un luogo imprecisato”», in G. Baldassarri / V. Di Iasio / P. Pecci / E. Pietrobon / F. Tomasi (a c. di), La letteratura degli italiani 4. I letterati e la scena. Atti del XVI Congresso Nazionale Adi, Sassari-Alghero, 19-22 settembre 2012, Roma, Adi editore, pp. 1-11.

Celati, Gianni (1997): «L’interpolazione e il gag», in S. Colomba (a c. di), Le ceneri della commedia. Il teatro di Samuel Beckett, Roma, Bulzoni, pp. 83-105.

Celati, Gianni (2006): «Pensieri su Beckett», in G. Alfano / A. Cortellessa (a c. di), Tegole dal cielo. L’“Effetto Beckett” nella cultura italiana, vol. I, Roma, Antalia, pp. 269-271.

Denize, Joseph (2008): «Oralité et ènonciation dans “In un luogo imprecisato” de Giorgio Manganelli», in C. Faverzani (éd.), “Je suis l’écho...”. L’ecriture et la voix. Hommage offert à Giuditta Isotti Rosowsky, Saint-Denis, PUV, pp. 181-197.

Esslin, Martin (1961 [1975]): The Theatre of the Absurd, Garden City, Doubleday. [Trad. it. di R. De Baggis e M. Trasatti, Il Teatro dell’assurdo, Roma, Abete].

Esslin, Martin (1986 [1994]): «Dionysos’ Dianoetic Laugh», in J. Calder (ed.), As No Other Dare Fail, London, Calder, pp. 15-23. [Trad. it. di E. Cassarotto, «Il riso dianoetico di Dioniso», in S. Beckett, Teatro completo: drammi, sceneggiature, radiodrammi, pièces televisive, a c. di P. Bertinetti, traduzioni di C. Fruttero et alii, Torino, Einaudi-Gallimard, pp. 736-743].

Frasca, Gabriele (1988): Cascando. Tre studi su Samuel Beckett, Napoli, Liguori.

Frasca, Gabriele (2014): Lo spopolatoio. Beckett con Dante e Cantor, Napoli, d’If.

Fruttero, Carlo (1956): «Introduzione», in S. Beckett, Aspettando Godot, Torino, Einaudi, pp. 5-13.

Fusini, Nadia (1994): B & B: Beckett e Bacon, Milano, Garzanti.

Gontarski, Stanley (1997): «L’estetica del disfacimento», in S. Colomba (a c. di), Le ceneri della commedia. Il teatro di Samuel Beckett, Roma, Bulzoni, pp. 107-133.

Guglielmi, Guido (2002 [2016]): «L’antiparola della Trilogia», il Verri, 18, pp. 13-39. [Ora in G. Gugliemi, Critica del nonostante, a c. di V. Cuccaroni, prefazione di N. Lorenzini, Bologna, Pendragon, pp. 113-144].

Hale, Jane Alison (1993): «Framing the Unframable: Samuel Beckett and Francis Bacon», in M. Buning / L. Oppenheim (ed.), Beckett in the 1990s, Amsterdam, Rodopi, pp. 95-102.

Isotti Rosowsky, Giuditta (2007): Giorgio Manganelli: una scrittura dell’eccesso, Roma, Bulzoni.

Knowlson, James (2001): Samuel Beckett: una vita, a c. di G. Frasca, Torino, Einaudi.

Leiris, Michel (1981 [2001]): «Bacon le hors-la-loi», Critique, 408, maggio, pp. 519-525. [Trad. it. di F. Nicolao e R. Rossi, «Bacon il fuorilegge», in M. Leiris, Francis Bacon, Milano, Abscondita, pp. 45-60].

Manganelli, Giorgio (1962 [2004]), «Murphy di Beckett», L’illustrazione italiana, 12, dicembre, pp. 72-73. [Ora in G. Manganelli, Letteratura come menzogna, Milano, Adelphi, pp. 99-102].

Manganelli, Giorgio (1967 [2000]), «Cerimonia e artificio», il Verri, 25, marzo, pp. 80-81. [Ora in G. Manganelli, Cerimonie e artifici, a c. di L. Scarlini, Salerno, Oedipus, pp. 36-37].

Manganelli, Giorgio (1975 [2008]): A e B, Milano, Rizzoli. [Ora in G. Manganelli, Tragedie da leggere, a c. di L. Sacarlini, Milano, Bompiani].

Manganelli, Giorgio (2008): Tragedie da leggere, a c. di L. Scarlini, Milano, Bompiani.

Menechella, Grazia (2002): Il felice vanverare: ironia e parodia nell’opera narrativa di Giorgio Manganelli, Ravenna, Longo.

Nigro, Silvano Salvatore (2006): «Vita autentica di uno scrittore immaginario», in M. Belpoliti /A. Cortellessa (a c. di), Giorgio Manganelli, Riga, 25, pp. 130-132.

Scarlini, Luca (1996): Un altro giorno felice: la fortuna dell’opera teatrale di Samuel Beckett in Italia, 1953-1996, Firenze, Maschietto e Musolino.

Scarlini, Luca (2008): «Dialogo notturno: un palcoscenico per Giorgio Manganelli», introduzione a G. Manganelli, Tragedie da leggere, a c. di L. Scarlini, Milano, Bompiani, pp. ix-lxi.

Tagliaferri, Aldo (1979), Beckett e l’iperdeterminazione letteraria, Milano, Feltrinelli.

Tagliaferri, Aldo (1998), «Intorno alla genesi di Hilarotragoedia di Giorgio Manganelli», il Verri, XLII (6), pp. 25-32.

Publicado
2018-09-20
Sección
Estudios literarios y culturales